CMT 10010
TRAMA:   Per   impadronirsi   delle   terre   e   dei   boschi   dove   abbondano   alberi   utili   per   il   legno   la   cui proprietà   appartiene   agli   indiani,   scoppia   una   feroce   guerra   provocata   dai   bianchi.   Un   gruppo   di dieci   uomini   "bianchi",   penetrati   nottetempo   nel   campo   indiano,   li   sorprende   nel   sonno   e   dopo alterne   vicende,   tutti   gli   indiani   vengono   trucidati,   tranne   uno,   un   bambino   di   nome   Condor.   Il tempo   passa,   ma   il   ricordo   di   quella   tragica   notte,   si   mantiene   vivo   nella   memoria   di   quel   ragazzo indiano,   che   aspetta   pazientemente   il   momento   propizio   per   consumare   la   sua   vendetta.   Il   tempo passa   anche   per   i   dieci   uomini   "bianchi"   e   di   quella   notte   di   massacro,   nessuno   di   loro   se   ne ricorda   più,   la   vita   scorre   serena   e   senza   problemi   avendo   già   da   tempo,   dimenticato   il   passato. Ma   il   passato   si   riaffaccerà   nel   loro   presente   e   chiuderà   un   conto   rimasto   in   sospeso.   I   dieci uomini   "bianchi,   dovranno   pagare   il   debito   del   passato   con   la   morte,   che   spazzerà   via   la   loro serenità e le loro vite. MUSICA:    La    musica    del    film    composta    dal    M°    Piero    Umiliani    è        molto    appropriata, l'orchestrazione   è   veramente   buona   e   l'esecuzione   è   ottima.   Le   varie   atmosfere   musicali,   che accompagnano   buona   parte   delle   scene   del   film,   le   rendono   vive   e   creano   nello   spettatore,   quel pathos che lo avvince e gli fa trattenere il respiro per tutta la durata della storia cinematografica. . FILM:   Gianfranco   Baldanello   che   ha   diretto   questo   interessante   film,   ha   caratterizzato   un   troppo   ogni   personaggio   e   a   causa   di   questo   motivo,   la   trama      a   volte   si   disperde   e   altre   volte risulta confusa. Fabio   Testi   è   molto   bravo,   ma   la   sua   recitazione,   nel   ruolo   marginale   che   gli   è   stato   assegnato   è poco   incisiva.   In   conclusione,   la   regia   di   Baldanello   lascia   molto   a   desiderare   e   noi   crediamo   che volendo, si poteva fare qualcosa di meglio. Il   film   "Le   dieci   vittime   bianche   del   piccolo   indiano"   è   il   titolo   originale   di   questo   western   che   l'impressione   allo   spettatore,   di   essere   diretto   da   un   dilettante   che   cerca   un   risparmio   economico perchè   gli   è   stato   imposto.   Ci   sembra   strano,   che   bravi   attori   come   John   Ireland,   Fabio   Testi   e Rosalba   Neri,   non   abbiano   cercato   di   convincere   chi   di   dovere,   a   cambiare   i   dialoghi   del   film   che risultano   troppo   rigidi   e   poco   profondi.   Anche   alcune   scene   del   film,   ci   sembrano   un   pò   ridicole per    via    di    indiani    poco    verosimili.    Sommando    tutto    questo,    la    storia    del    film    ci    sembra accartocciata su se stessa e non troppo  ambiziosa. CURIOSITA':   Anche   se   la   critica   dell'epoca   non   si   dimostrò   molto   benevola   nei   confronti   di questa   pellicola,   il   film   ha   suggerito   una   storia   dal   titolo:   "LE   CINQUE   PIUME",   che   fu   stampata su   un   fumetto   della   collana   Bonelli,   quello   di   "ZAGOR"   disegnato   da   G.   Ferri.   Gli   albi   che contevano   questa   storia,   erano   i   nn.   280,   281,   282,   usciti   nell'agosto,   settembre   e   ottobre   del 1984.
Synopsis: A   fierce   war   broke   out   caused   by   the   Whites,   who   are   seeking   embezzle   the   rich   lands and   forests   for   lumber   owned   by   the   Indians. A   group   of   ten   white   men   entered   the   Indian   camp at   night,   and   catches   them   in   their   sleep,   and   eventually   all   Indians   are   killed,   except   for   one,   the kid   named   Condor.   Time   passes,   but   the   memory   of   that   tragic   night   is   alive   in   that   Indian   kid, waiting   patiently   for   the   right   moment   to   enjoy   his   revenge.   But   do   not   expect   the   usual   revenge story…   it’s   a   family   drama!   Time   passes   also   for   the   ten   white   men,   and   none   of   them   seem   to remember   the   night   of   the   massacre.   Instead   they   are   enjoying   a   peaceful   life   flowing   smoothly, having   almost   completely   forgotten   about   the   past.   But   the   past   comes   back   to   the   present   and settles   all   unsettled   accounts.   The   ten   white   men   must   pay   their   debt   with   the   death,   which   will wipe out their peace and their lives. Music: The      film   music   composed   by   Maestro   Piero   Umiliani   is   very   appropriate,   the   orchestration is     really     good     and     the     workmanship     is     excellent.     The     various     musical     atmospheres accompanying   the   scenes   are   very   live.   They   create   the   pathos   that   binds   viewers   and   force them to hold their breath for the duration of the film. Film:   Gianfranco   Baldanello,   who   directed   this   interesting   film,   by   insistinging   a   little   too   much   on every single character sometimes makes the plot at times quite confusing. Fabio   Testi   did   very   well,   but   because   of   the   marginal   role   assigned   to   him,   his   performance seems   ineffective.   In   conclusion,   the   direction   of   Baldanello   leaves   some   disappointment,   and   we believe he could have done a better job.  The   original   title   of   this   western   movie   is   "Le   dieci   vittime   bianche   del   piccolo   indiano"   (The   ten white   victims   of   the   small   Indian).   Overall   the   film   makes   a   cheap   and   amateurish   impression. Art direction   is   poor   and   cinematography   is   bad.   Viewers   get   the   impression   of   a   movie   directed   by an   amateur,   who   must   cope   with   a   too   poor   budged.   It   seems   strange   that   good   actors   like   John Ireland,   Fabio   Testi   and   Rosalba   Blacks,   did   not   try   to   convince   those   responsible   to   change   the stiff   and   superficial   dialogues.   In   some   scenes   the   Indians   appearance   is   quite   unlikely   and ridiculous.   Summing   up   all   this,   the   story   of   the   film   seems   crumpled   on   itself   and   not   too ambitious. Curiosity:   Though    contemporary    critics    were    much    less    benevolent    towards    this    film,    still    it inspired   stories   like   LE   CINQUE   PIUME   (THE   FIVE   FEATHERS)   published   by   Bonelli   Comic Series,   and   also   ZAGOR   albums   designed   by   G.   Ferri,   which   were   published   in   series   nr.   280, 281 and 282 issued in August, September and October 1984
YEAR: 1974 FORMAT CD PRICE: EUR 17,95
Edizioni Musicali
We are updating our Terms of Service, Privacy Policy, and Cookie and Internet Advertising Policy effective May 25, 2018. This site uses cookies, including third parties, continuing browsing, scrolling the page or other type of interaction with the site, you consent to the use of cookies. For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information.