Webmaster SerGiotto O COMETA Edizioni Musicali C
CMT10033  
TRACKS: 28 LENGHT:  54’30” YEAR: 1976 FORMAT CD PRICE € 17,95
40 gradi all'ombra del lenzuolo Tutti   in   città   parlano   de   “La   Cavallona”   (Edwige   Fenech).   Da   quando   è arrivata   tutti   i   maschi   non   riescono   a   smettere   di   osannarla   e   venerarla come    una    dea.    È    la    stessa    musica    che    accompagna    la    marcia    della seduzione   della   signora.   Il   “Cavaliere”   (Tomas   Milian),   tormenta   la   signora   al telefono   ogni   pomeriggio   alle   5,   dicendole   che   non   riesce   a   smettere   di pensarla.    In    questo    mondo    materialista,    afferma    il    Cavaliere,    governato dalle   ingiustizie,   i      sogni   erotici   rappresentano   la   sua   unica   salvezza.   Nel frattempo      anche      la      signora      Chiapponi      ha      continue      fantasie, addormentandosi   addirittura   mentre   vede   un'opera   teatrale   su   Dracula   in compagnia   del   marito.   Questo   primo   episodio   finisce   con   l'incontro   di   fuoco fra i due amanti, o almeno così pensa la Cavallona. Ne   “L'attimo   fuggente”,   il   secondo   episodio,   troviamo   la   contessa   (Giovanna Ralli)   e   il   suo   autista   (Alberto   Lionello)   tra   le   strade   dell'Eur,   che   tramite   lo specchietto    sbircia    le    forme    della    signora.    A    un    certo    punto    scatta    la passione   tra   i   due   ma   lui   fa   cilecca,   poi   però   dopo   essere   arrivati   alle   mani colgono “l'attimo fuggente”. Nel    successivo    episodio    (la    guardia    del    corpo)    una    figlia    ricca    (Dayle Haddon)    deve    fare    i    conti    con    una    guardia    del    corpo    un    po'    troppo appiccicosa   (un   eccezionale   Marty   Feldman)   che,   inoltre,   si   comporta   in modo   molto   strano,   mangiando   sempre   carote   e   facendo   danni.   Ogni   azione che   la   signora   fa   passa   sotto   l'occhio   attento   di   Alex.   Anche   mentre   fa   il bagno   non   la   lascia   in   pace:   “ci   potrebbe   essere   un   nano   subacqueo,   dice, o   un   pesce   cane”.   In   una   festa   palpeggia   e   perquisisce   ogni   persona   che entra    in    giardino.    Scene    esilaranti    che    fanno    di    questo    episodio    il    più divertente   e   irriverente,   anche   grazie   alle   musiche   veramente   azzeccate. L'episodio   si   conclude   con   la   guardia   del   corpo   che   diventa   una   sorta   di statua vivente che sventa un fantomatico rapimento. Il   quarto   episodio,   “I   soldi   in   banca”,   vede   Enrico   Montesano   nei   panni   di uomo    che    viene    spesso    in    Svizzera    per    affari.    Ogni    volta    incontra    alla finestra   una   bella   signora   (Barbara   Bouchet),   decide   quindi   che   è   arrivato   il momento   di   conoscerla,   perché,   afferma,   “si   vive   una   volta   sola”.   Nella valigia   Montesano   ha      20   milioni   di   lire   in   contanti   che   vorrebbe   regalare   alla signora   in   cambio   di   un'ora   d'amore.   Il   giorno   dopo   la   scena   si   ripropone, tornando   con   altri   20   milioni   per   un'altra   ora   d'amore.   L'uomo   deve   partire per   l'Australia   e   all'aeroporto   e,   in   compagnia   della   signora,   le   fa   un   ultimo “regalino”:   gli   ultimi   20   milioni   che,   opportunamente,   lui   lascia   in   bagno   in una   busta   di   plastica   ben   nascosta,   perché   non   c'è   due   senza   tre.   Alla   fine si   scopre   che   i   soldi   che   l'uomo   erano   del   commendatore,   il   marito   della signora.   Una   scenetta   divertente   con   un   giovanissimo   Montesano   e   una bellissima Bouchet. L'ultimo   episodio,   “Un   posto   tranquillo”,   vede Aldo   Maccione   nei   panni   di   un ragioniere   che   salva   una   ragazza   dal   suicidio   sul   bordo   di   un   cornicione. Tra i   due   scatta   la   seduzione,   si   dicono   di   essere   fatti   l'uno   per   l'altra   e   i   vanno   a casa   di   lei.   Ad   aprire   la   porta   dell'appartamento   è   il   suo   cane,   molto   geloso di   lei   che   gli   morde   subito   una   mano,   ma   poi   si   rilassa   davanti   la   tv. A   questo punto   l'uomo   può   scappare   finalmente   in   camera   da   letto,   dove   la   signora   lo sta   aspettando.   Il   cane   però   è   abilissimo   nel   passare   tra   una   stanza   e   l'altra e   lui   se   la   fa   improvvisamente   a   dosso.   Il   cane   lo   insegue   e   la   scena   del suicidio   si   ripropone   al   contrario:   ora   è   lui   sul   bordo   del   cornicione   e   lei   lo deve   “salvare”.   Scene   ai   limiti   della   follia,   con   il   cane   che   lo   insegue   anche per le vie della città. Il   commento   sonoro   di   Guido   e   Maurizio   De   Angelis,   rende   il   tutto   molto armonico   e   le   scene   salienti   sono   accompagnate   da   ottime   musiche,   che   si ripropongono   per   tutti   gli   episodi,   proprio   per   dare   un   senso   di   continuità all'opera.
37 Years
Guido & Maurizio De Angelis 40 GRADI ALL’OMBRA DEL LENZUOLO
                                                         "SEX WITH A SMILE"        
Five   short   comic   sketches,   all   unrelated   to   each   other, except   that   they   are   all   expressions   of   Italian   sexual humor.    The    soundtrack    by    Guido    &    Maurizio    De Angelis,   makes   it   very   smooth   and   memorable   scenes are   accompanied   by   great   music   that   gives   a   sense   of continuity.