TRACKS: 15 LENGTH: 45’20’’ YEAR: 1972 FORMAT CD PRICE: EUR 17,95
Futuribile,   nell'accezione   stessa   della   parola,   è   ciò   che   potrebbe   ipoteticamente   realizzarsi   in   determinate   circostanze,   ma   che rimane   nell'ambito   di   future   possibilità.   Queste   possibilità   nell'ambito   della   cultura   musicale   occidentale   si   sono   realizzate mediante   le   nuove   tecnologie   messe   a   disposizione   sia   da   nuove   idee   musicali,   sia   da   apparecchiature   a   nastro   e   strumenti elettronici   che   hanno   permesso   una   nuova   concezione   del   suono   e   della   composizione   musicale   stessa.   Così   dichiarava     Stockhausen:   "a   partire   dal   1950,   si   cominciò   a   mettere   in   discussione   tutto   ciò   che   costituisce   la   musica   europea:   non   solo   il linguaggio   musicale,   la   sua   grammatica   i   suoi   vocaboli,   ma   anche   il   materiale   sonoro   finora   usato,   i   suoni   stessi”.   Partendo   da questo   presupposto   non   possiamo   fare   ameno   di   annoverare,   tra   i   massimi   autori   della   musica   concreta   ed   elettronica,   il   nome di   Egisto   Macchi   che,   come   sperimentatore   di   queste   nuove   tecniche,   ha   composto,   secondo   le   varie   tematiche   dei   brani, impensabili   ed   emozionanti   atmosfere   futuribili.   La   grande   conoscenza   della   composizione,   dei   suoni   e   una   enorme   sensibilità ed   estrosità   musicale   gli   ha   consentito   di   poter   usufruire   appieno   delle   grandi   possibilità   e   libertà   che   tali   apparecchiature,   per quell'epoca   inusuali   ed   estremamente   innovative,   gli   hanno   consentito.   Nei   brani   di   questo   CD,   sempre   tra   loro   diversi,   il   Egisto   Macchi   sperimenta   felicemente   tutte   le   possibilità   sonore   che   l'epoca,   i   primi   anni   settanta,   potevano   essere   immaginati ricreando,   attraverso   minimali   suoni   strumentali   e   vocali,   giochi   di   nastro   magnetico   con   suoni      analogici   letto   al   contrario, suoni   elettronici   e   concreti,   tutte   quelle   atmosfere   così   ben   musicalmente   descritte   nei   vari   titoli.   La   partitura   non   esiste   più, esiste esclusivamente il suono e le atmosfere di un ipotetico e immateriale mondo futuribile. In   “Camere   Anecoiche”,   ad   esempio,   su   una   fascia   pulsante   di   suono   elettronico   intervengono,   di   volta   in   volta,   tutte   le sperimentazioni   sonore   sopracitate:   chitarra   elettrica,   suoni   di   strumenti   analogici   registrati   letti   sia   diritti   che   rovesciati,   suoni   di percussioni   leggere   con   bongos   e   altri   strumenti         idiofoni,   senza   un   ordine   preciso.   Questo   studiato   e   rarefatto   disordine musicale   spiazza   continuamente   l'ascoltatore   e   non   gli   permette   di   avere   riferimenti   uditivi   ai   quali   rapportarsi   lasciandolo   in   un voluto stato mentale quasi ipnotico. In   “Nuovi   Pianeti”   la   parte   principale   e   sostenuta   da   una   registrazione   di   accordi   di   contrabbassi   e   violoncelli,   nel   registro basso,   letta   al   contrario. A   questo   suggestionante   ascolto   sono   sovrapposti   via   via   altri   suoni,   sia   sintetizzati   che   elettronici,   con interventi   di   pizzicati   d'archi   e   fasce   orchestrali   anche   esse   rovesciate.   Questa   sinfonia   di   vibrazioni   sintetizza   in   maniera   molto efficace   il   mistero   che   circonda   nuove   e   importanti   scoperte   nell'universo.   Per   la   cronaca   non   dobbiamo   dimenticarci      il   grande richiamo mediatico e lo scalpore mondiale dello sbarco umano avvenuto sulla Luna proprio in quegli anni. Con   la   stessa   ottica   musicale,   ma   con   concezioni   compositive   sempre   diversificate   e   originali,   sono   concepiti   anche   gli   altri titoli che riguardano lo Spazio Futuribile noto e ignoto. Discorso   a   parte   è   quello   di   “Extraterrestre”   nel   quale   si   affronta   una   diversa   tematica   musicale   nella   quale   non   si   ha   più   a   che fare   con   sensazioni   puramente   estetiche,   ma   si   affronta   un   discorso   su   una   eventuale   forma   vivente   fuori   dal   nostra   umana concezione.   Pur   nella   sua   brevità   il   discorso   musicale,   rispetto   agli   altri   brani,   si   fa   più   incalzante,   più   stringente,   quasi   a   voler risvegliare,   nel   nostro   subconscio,   una   inquietudine   profonda   per   una   civiltà   sconosciuta,   o   dei   orripilanti   mostri,   venuti   dallo spazio intergalattico. Un   riscontro   della   validità   internazionale,   dell'attualità   musicale   e   compositiva   del   M°   Egisto   Macchi,   in   questi   brani   originali, prodotti   nel   1972,   si   ha   anche   perché   un   suo   brano,   Modulo   Lunare,   è   stato   inserito,   a   pieno   titolo,   nella   colonna   sonora   del film   “Ocean's   Twelve”   prodotto   nel   2004   dalla   Warner   Bros,   che   tanto   successo   ha   avuto   negli   U.S.A.   e   in   tutto   il   mondo soprattutto per la singolare scelta dei brani musicali. Per questo, ed altro, non si può non poter affermare che il M° Egisto Macchi, nel 1972, era davvero uno de”I FUTURIBILI”. Note biografiche: Nato a Grosseto il 4 agosto 1928 è morto a Montpellier l'8 agosto 1992. Ha   studiato   pianoforte,   in   età   giovanile   con   il   M°   G.   Sinistri   Mazzoli,   ha   compiuto,   negli   anni   1945-53,   importanti   e   decisivi   studi musicali   con   il   M°   Guarnieri   per   il   violino   (dal   1945   al   1949),   con   il   M°   Roman   Vlad   per   la   composizione   negli   anni   1948-49,   con il    baritono    polacco    Gronen-Kubitzkj    negli    anni    1949-52    per    il    canto    e    dal    1949    al    1953    con    il    M°    Scherchen    per    la composizione. Musicista   impegnato,   eclettico   e   generoso,   sostanzialmente   autodidatta,   ha   attraversato   con   vigore   e   con   partecipata   emotività tutte   le   stagioni   della   musica   italiana   del   secondo   dopoguerra.   Sulla   scia   delle   sue   personali   inclinazioni,   nonché   degli insegnamenti   attinti   direttamente   alle   opere   dei   suoi   autori   prediletti   (Schönberg,      Berg,      Bartók,   Puccini),   evitò   di   accogliere metodiche   compositive   troppo   rigide   e   vincolanti:   pur   aderendo   a   un   principio   di   condotta   seriale   in   alcuni   suoi   lavori   giovanili se   ne   discostò   ben   presto   per   adottare   alcune   forme   di   scrittura   più   personali   e   trasgressive,   sensibili   alle   suggestioni   dell'alea e    della    libera    improvvisazione.    La    molteplicità    delle    esperienze    vissute    dal    M°    E.    Macchi    (accanto    alla    composizione, l'organizzazione   musicale,   l'improvvisazione,   la   musica   elettronica,   la   musica   applicata)   denuncia,   da   un   lato,   la   vastità   e l'estroversione   dei   suoi   interessi   musicali,   dall'altro,   i   limiti   stessi   della   sua   produzione   d'arte,   rimasta   di   fatto   ai   margini   della storia   della   musica   d'avanguardia   italiana.   Ha   fondato,   con   i   maestri:      Franco   Evangelisti,   Mario   Bertoncini,   Mauro   Bortolotti, Domenico Guaccero e Daniele Paris, l'associazione per la musica contemporanea “Nuova Consonanza” negli anni '60. Ha   scritto   colonne   sonore   originali   per   documentari   d'autore   dal   1958,   apprezzati   composizioni   strumentali   e   brani   per   teatro musicale sperimentale fondando nel 1965 insieme con Guaccero e  Bussotti, la Compagnia del Teatro musicale di  Roma. Vanno   rammentati   ancora   l'istituzione   dell'Archivio   sonoro   della   musica   contemporanea,   all'interno   dell'Istituto   di   ricerca   per   il teatro   musicale,   fondato   a   Roma   e   la   collaborazione   musicale   con   la   COMETA   EDIZIONI   MUSICALI   con   la   quale   ha   prodotto numerosi e originali dischi nei quali ha espresso tutta la sua estrosa arte compositiva. Futurable,   in   the   sense   of   the   word,   is   what   might   hypothetically   be   realized   under   certain   circumstances,   but   which   remains   in future possibilities. These   possibilities   in   Western   musical   culture   are   realized   using   the   new   technologies   made   available   by   new   ideas,   musical tape-equipments and electronic instruments that have enabled a new conception of sound and musical composition itself. So   Stockhausen   declared:   "since   1950,   we   began   to   question   everything   that   is   European   music:   not   only   the   musical language, its grammar and its vocabulary, but also the sound material used so far, the sounds themselves." On   this   basis   we   have   to   include   amongst   the   greatest   authors   of   the   concrete   and   electronic   music,   the   name   of   Egisto Macchi,   as   the   investigator   of   these   new   techniques:   he   composed,   according   to   the   various   themes   of   the   songs,   unthinkable futuristic and exciting atmospheres. The   great   knowledge   of   the   composition,   sound   and   tremendous   sensitivity   and   musical   inventiveness   allowed   him   to   take   full advantage of the great opportunity and freedom that such innovative equipment, extremely unusual for that time, allowed him. In   the   tracks   of   this   CD,   Maestro   Egisto   Macchi   happily   experiences   all   the   possibilities   of   sound   which   at   the   time,   the   early seventies,   could   be   imagined   recreating   all   the   atmospheres   so   well   described   in   various   musical   titles,   through   minimalist instrumental   sounds   and   vocals,   with   tricks   of   magnetic   tape   and   analog   sounds   read   in   reverse,   with   concrete   and   electronic sounds. The score no longer exists: there are only the sound and atmosphere of a hypothetical and non-futuristic world. In   "“Camere Anecoiche",   for   example,   on   a   pulsing   basis   of   electronic   sound,   all   musical   experiments   above   are   involved,   from time   to   time:   electric   guitar,   recorded   sounds   of      analog   instruments   that   are   read   both   normally   and   backwards,   sounds   of   light percussions with bongos and other idiophonic instruments, in no particular order. This   studied   and   rarefied   musical   confusion,   constantly   displaces   the   listener   and   does   not   allow   him   to   have   hearing reference, leaving him in a chosen state of mind almost hypnotic. In “Nuovi Pianeti” the main part is supported by a recording of basses and cellos accords, in the low register, read backwards. In   this   evocative   listening   are   gradually   overlapped   other   sounds,   both   synthesized   and   electronic,   with   interventions   by pizzicato strings and orchestral sections they also overturned. This symphony of vibrations very effectively sums up the mystery surrounding new and important discoveries in the universe. For   the   record,   we   must   not   forget   the   great   media   attraction   and   global   sensation   for   the      human   landing   on   the   moon   that took place in those years. Also   the   other   titles   that   relate   to   known   and   unknown   Futuristic   Space   are   composed   in   the   same   musical   perspective,   but with compositional concepts always diversified and original. Separate   discussion   is   that   of   "Extraterrestre"   in   which   we   bring   a   different   musical   theme   in   which   we   have   no   more   to   do   with purely   aesthetic   feelings,   but   it   deals   with   a   possible   form   of   life   out   of   our   human   conception.   Despite   its   brevity,   compared   to the   other   tracks   this   musical   discourse   becomes   more   urgent,   more   pressing,   as   if   to   awaken,   in   our   subconscious,   a   deep concern for an unknown civilization, or some horrific monsters, coming from intergalactic space. We   have   an   acknowledgment   of   the   international   validity   and   musical   actuality   of   Maestro   Egisto   Macchi   in   these   original songs   produced   in   1972,   also   by   the   fact   that   his   song   “Modulo   lunare”   has   been   inserted   in   the   soundtrack   of   the   movie "Ocean's   Twelve",   produced   in   2004   by   Warner   Bros,   which   has   been   so   successful   in   the   U.S.   and   around   the   world   for   the unique choice of music. For this and more, we say that M ° Egisto Macchi, in 1972, was really one of "The futurable". Biographical Notes: Born in Grosseto, August 4, 1928, he died at Montpellier on August 8, 1992. At   a   young   age   he   studied   piano   with   Maestro   G.   Sinistri   Mazzoli;   in   the   years   1945-53,   he   has   made   ​​important   and   decisive musical   studies   for   the   violin   with   Maestro   Guarnieri   (from   1945   to   1949);   he   studied   composition   with   M°   Roman   Vlad   (1948- 49);   he   studied   voice   with   the   Polish   baritone   Gronen-Kubitzkj   (years   1949-52)   and   from   1949   to   1953   he   studied   composition with M° Scherchen. Committed   musician,   eclectic   and   generous,   essentially   self-taught,   he   has   gone   with   vigor   and   emotion   through   all   the seasons of Italian music after World War II. In   the   wake   of   his   personal   inclinations   and   the   lessons   drawn   directly   to   the   works   of   his   favorite   authors   (Schoenberg,   Berg, Bartok,   Puccini),   he   avoided   to   accept   too   rigid   and   binding   methods   of   composition:   while   adhering   to   a   serial   principle   of conduct    in    some    of    his    early    works,    he    diverged    very    early    to    take    some    forms    of    writing,    the    most    personal    and unconventional, sensitive to the influence of chance and free improvisation. The   variety   of   experiences   lived   from   M°   E.   Macchi   (next   to   the   composition,   the   musical   organization,   improvisation,   electronic music)   reveals   on   the   one   hand,   the   extent   and   the   extroversion   of   his   musical   interests,   on   the   other   hand,   the   very   limits   of   its production of art, that in fact remained on the margins of the history of the Italian avant-garde music. In   the   60s   he   founded   the   association   "New   Consonance"   for   contemporary   music,   with   the   masters   Franco   Evangelisti,   Mario Bertoncini, Mauro Bortolotti, Domenico Guaccero and Daniele Paris. He   has   written   soundtracks   for   documentaries   since   1958,   popular   songs   and   instrumental   compositions   for   experimental music theater, in 1965 he founded the Musical Theatre Company of Rome along with Guaccero and Bussotti. We   must   not   forget   the   establishment   of   the   Sound   Archive   of   Contemporary   Music,   in   the   Research   Institute   for   the   musical theater,   based   in   Rome   and   the   musical   collaboration   with   COMETA   EDIZIONI   MUSICALI   with   which   he   has   produced   a number of original records in which has expressed his whimsical art of composition.
CMT10034
Edizioni Musicali
We are updating our Terms of Service, Privacy Policy, and Cookie and Internet Advertising Policy effective May 25, 2018. This site uses cookies, including third parties, continuing browsing, scrolling the page or other type of interaction with the site, you consent to the use of cookies. For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information.