Webmaster SerGiotto O COMETA Edizioni Musicali C
CMT 10020  
TRACKS: 13 LENGHT: 55’08” YEAR: 1973 FORMAT CD PRICE € 17,95
Moby-Dick   or   The   Whale,   known   in   Italy   as   The   white   whale   Moby   Dick,   is   a   story   written   by American Herman Melville, published in America in 1851. In   March   and April   1973,   RAI   broadcasted   the   story   as   a   television   drama   entitled:   "The   representation of   the   terrible   hunting   the   white   whale   Moby   Dick."   This   television   history   was   divided   into   5   episodes and   it   was   directed   by   Carlo   Quartucci,   screenplay   by   Roberto   Lerici,   Franco   Parenti   and   Rino Sodano. Maestro   Fiorenzo   Carpi   De   Resmini,   one   of   the   greatest   composers   of   the   900,   was   chosen   to compose   the   soundtrack   of   the   drama.   Giorgio   Strehler,   great   director   and   theater   director,   told   about him:   "...   My   theater   is   held   together   by   the   notes   of   Fiorenzo   Carpi.   Very   often,      since   the   beginning   or during   the   work,   his   music   has   given   the   "internal   clarification"   that   I   needed,   the   lighting   of   a   "whole" that I could not grasp…” Within   television   and   film,   Maestro   composer   Carpi   De   Resmini   is   from   time   to   time   involved   in different   situations,   but   always   extremely   challenging.   His   musical   creation   should   eventually   help   to strengthen   and   highlight   the   images   and   situations   that   the   movie   describes,   without   overpowering, but musically amalgamating them. It   's   rare   that   a   song   can   enjoy   a   life   of   its   own   when   it   meets   the   above   criteria,   but   this   is   not   the   case with   the   soundtrack   composed   by   Maestro   Fiorenzo   Carpi   for   RAI’s      "Moby   Dick",   because   every   song lives   of   its   own   personality   and   emphasizes   faithfully   every   character   and   all   situations   that   are   part   of the story. In   the   "Ballad   of   Sailor",   sung   by   young   and   talented   Gigi   Proietti,   we   find   a   perfect   description   of   the violent,    dirty    and    desperate    life    of    the    sailors    aboard    whaling    ships.   The    instrumentation    is    the essential   one,   composed   of   all   those   little   tools   that   the   same   crew   could   have   carried   aboard      to make   the   journey   less   burdensome,   as   the   harmonica,   fiddle,   banjo,   flute,   etc.   ..   These   tools   are   a counterpoint   to   a   men's   chorus   (the   crew)   that   proposes   always   the   same   question   (Sailor,   what   do you   carry   in   your   gray   bag?),   which   is   reinforced   by   a   piano   accompaniment   and   a   solo   sailor   who responds.   The   pace   is   lively   and   paced   like   a   dance   where,   willingly   or   unwillingly,   the   participants   are forced to dance tirelessly on the deck of the ship plowing through the waves. As   a   completely   different   character   is   the   "Song   of   the   captain",   sung   by   the   incomparable   Gigi   Proietti again,   who   describes   a   Captain Akab   who   is   feared   by   his   crew   (male   chorus   that   ends   the   song)   that, at   the   same   time,   admires   and   respects   him.   This   arrangement,   which   as   usual   uses   the   piano,   the accordion   and   other   instruments   cited   above,   is   much   more   refined   with   the   entrance   of   the   spinet.   It is   historically   proven   that   this   keyboard   instrument   with   plucked   strings   could   be   present   on   sailing because of its modest size. Of   a   completely   different   setup   and   instrumentation   are   the   songs   composed   for   "Background   port" and   "Factory",   where   experimentation   and   overlapping   sound   effects   are   always   extremely   interesting and   very   timely.   In   the   song   "Moby   Dick"   we   can   hear   the   musical   description   of   the   white   and   majestic whale      that   plows   the   waves   of   the   sea   and   stubbornly   challenges   captain Akab   to   the   death.   We   can say   without   fear   of   contradiction   that   the   music   created   for   this   collection   is   more   than   a   soundtrack,   it is   a   lively,   vibrant,   fascinating   account   of   the   book   from   which   the   drama   drew   the   deeds   and   it   made   it almost a musical.
Moby-Dick   or   The   Whale,   conosciuto   in   Italia   come   Moby   Dick   La   balena   bianca,   è   un   racconto   scritto   dall'americano   Herman      Melville,      pubblicato   in America nel 1851. La   RAI   nei   mesi   di   marzo   e   aprile   del   1973   ne   trasmise   la   storia   con   uno   sceneggiato   televisivo   dal   titolo:"La   rappresentazione   della   terribile   caccia   alla balena   bianca   Moby   Dick".   Questa   storia   televisiva   fu   articolata   in   5   puntate,   la      regia   era   di   Carlo   Quartucci,   la   sceneggiatura   di   Roberto   Lerici,   Franco Parenti e Rino Sodano. Per   commentare   musicalmente   lo   sceneggiato,   fu   scelto   il   Maestro   Fiorenzo   Carpi   De   Resmini,   uno   dei   più   grandi   compositori   musicali   del   '900.   Giorgio Strehler   grande   regista   e   direttore   teatrale   disse   di   lui:   «   ...Il   mio   teatro   è   tenuto   insieme   dalle   note   di   Fiorenzo   Carpi.   Molto   spesso   la   sua   musica   ha   dato, all'inizio o durante il lavoro, la "chiarificazione" interna di cui avevo bisogno, l'illuminazione di un "tutto" che non riuscivo ad afferrare.. » Nell'ambito   cinematografico   e   televisivo,   il   M°   compositore,   si   trova   di   volta   in   volta   coinvolto   in   situazioni   sempre   diverse,   ma   sempre   estremamente impegnative.   La   sua   creazione   musicale,   deve   rafforzare   evidenziare   ed   eventualmente   aiutare   le   immagini   e   le   situazioni   che   il   filmato   descrive,   senza prevaricarle, ma amalgamandosi musicalmente ad esse. E'      raro   che   un   brano   possa   godere   di   una   vita   propria   autonomamente   quando   rispetta   i   criteri   sopra   citati,   ma   questo   non   è   il   caso   della   colonna sonora   composta   dal   M°   Fiorenzo   Carpi   per   lo   sceneggiato   RAI   “Moby   Dick”,   perchè   ogni   brano,   vive   di   una   propria   personalità   e   sottolinea   fedelmente   ogni personaggio e tutte le situazioni che fanno parte della storia. Nella   “Ballata   del   marinaio”   cantata   dal   giovanissimo   e   bravissimo   Gigi   Proietti,   ritroviamo   una   perfetta   descrizione   della   vita,   violenta,   sporca   e disperata,   dei   marinai   imbarcati   sulle   baleniere.   La   strumentazione   è   quella   essenziale,   composta   da   tutti   quei   piccoli   strumenti   che   lo   stesso   equipaggio poteva   aver   portato   con   se   per   rendere   meno   pesante   il   viaggio,   come   l'armonica   a   bocca,   il   violino,   il   banjo,   il   flauto,   ecc..   Questi   strumenti   fanno   da contrappunto   ad   un   coro   maschile   (l'equipaggio)   che   ci   propone   sempre   la   sempre   la   stessa   domanda   (Marinaio   cosa   porti   nel   tuo   sacco   grigio?),   rinforzato da   un   pianoforte   che   fa   da   accompagnamento,   e   un   marinaio   solista   che   risponde.   Il   ritmo   è   vivace   e   incalzante   come   una   danza,   dove   i   partecipanti   volenti o nolenti, sono costretti a ballare  senza sosta sulla tolda del veliero che solca le onde. Di   carattere   completamente   diverso   è   la   “Canzone   del   capitano”,   cantata   sempre   dall'impareggiabile   Gigi   Proietti,   che   ci   descrive   un   Capitano   Akab molto   temuto   dal   suo   equipaggio   (coro   maschile   che   chiude   il   brano)   ma   che   al   tempo   stesso   lo   ammira   e   prova   per   lui      un   grandissimo   rispetto.   Questa strumentazione,   che   si   avvale   come   sempre   del   pianoforte,   della   fisarmonica   e   degli   altri   strumenti   sopracitati   è,   con   l'ingresso   della   spinetta,   molto   più raffinata.   E'   comunque   storicamente   accertato,   che   questo   strumento   a   tastiera   a   corde   pizzicate,   poteva   essere   presente   sui   velieri   date   le   sue   modeste dimensioni . Di   tutt'altra   impostazione   e   strumentazione   sono   i   brani   composti   per   “Sottofondo   porto”   e   “Fabbrica”   dove   la   sperimentazione   e   la   sovrapposizione   di effetti   sonori   musicali   è   sempre   estremamente   interessante   e   molto   attuale.   Nel   brano   “Moby   Dick”   possiamo   ascoltare   la   descrizione   musicale   della   balena, che   bianca   e   imponente,   solca   le   onde   del   mare   e   sfida   ostinatamente   il   capitano Akab   all'ultimo   sangue.   Possiamo   dire   senza   tema   di   smentita,   che   i   brani musicali   realizzati   per   questa   raccolta   sono   più   che   una   colonna   sonora,   sono   un   vivo,   vibrante,   affascinante   racconto   del   libro,   dal   quale   lo   sceneggiato   ha tratto le gesta e lo ha reso quasi un musical.
Edizioni Musicali
We are updating our Terms of Service, Privacy Policy, and Cookie and Internet Advertising Policy effective May 25, 2018. This site uses cookies, including third parties, continuing browsing, scrolling the page or other type of interaction with the site, you consent to the use of cookies. For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information.