CMT 10012
A BEAUTIFUL SYMPHONIC PERIOD SCORE Bene   was   our   Italian   Shakespeare:   he   played   Shakespeare   all   his   life   (such   as   Hamlet   or Richard   III);   he   studied   Shakespeare,   not   to   represent   his   poetics   or   poetry   in   the   same   way   the others   did,   but   to   focus   on   his   theatrical   vision.Shakespeare   is   always   considered   as   a   sacred monument   by   actors   and   critics   and   this   means   his   works   can't   be   modified   following   different logic   than   academy   traditions;   according   to   Bene's   theory,   this   is   a   wrong   perspective   because   it doesn't   follow   the   idea   of   theatre   Shakespeare   had   practiced.   He   theorized   Shakespeare   as   a modern   model   of   'actor-author':   someone   who   writes   and   performs   his   dramas,   always   ready   and able   to   revolt   against   the   written   text   in   order   to   express   all   the   oral   and   physical   forces   which can   happen   clearly   during   the   performance.It   also   means   the   actor   is   more   important   than   the playwright.He   was   a   complete   Director:   he   directed   and   played   his   works,   very   close   for   style and features to main aspects of underground performances aesthetics.
TRACKS: 18 LENGTH: 43’42’’ YEAR: 1979 FORMAT CD PRICE: EUR 17,95
Articolo uscito sulla pagina n.7 del giornale IL MESSAGGERO il 23 gennaio 1979 Ogni   volta   che   Carmelo   Bene   si   avvicina   Shakespeare.   si   è   tentati   di   riaprire   il   discorso   del rapporto   tra   noi   e   i   classici,   radicalmente   scosso   da   quella   che   sembra   non   tanto   una   rivoluzione del gusto, quanto una mutazione del senso della storia. Si   è   anche   tentati   di   affermarlo   questo   rapporto,   cercando   l'aspetto   che   l'autore   ha   preso   per esaltarlo    come    essenziale    e    per    soddisfare    un    qualche    specioso    pregiudizio    estetico    o ideologico.   Sono   molti   oggi   in   Italia,   i   registi   che   pretendono   di   rinnovare   un   "classico"   quando invece     semplicemente     lo     forzano     entro     schemi     arbitrari,     sottoponendosi     ad     artifici     di messinscena.   Carmelo   Bene   non   è   tra   questi. Al   suo   terzo   o   quarto?!   incontro   con   Shakespeare, egli    sopraggiunge    a    raccontarci    uno    Shakespeare    affatto    particolare    anzi    straordinario,    uno Shakespeare........." Questo   è   ciò   che   scriveva   entusiasticamente   un   giornalista,   a   proposito   della   prima   teatrale assoluta   dell'Otello   interpretato   da   Carmelo   Bene.   Anche   in   questo   lavoro   teatrale   che   definiva "degenere",   definizione   peraltro   usata   per   tutti   i   suoi   lavori,   le   parti   dialogate   che   si   svolgevano sotto   forma   di   monologo,   erano   la   parte   più   preponderante   del   lavoro   e   determinavano   la   perdita inevitabile   del   senso   del   discorso.   Infatti   nelle   sue   performance,   Carmelo   Bene,   a   volte,   si accollava    anche    la    parte    femminile,    e    per    questo    motivo    è    sempre    stato    accusato    dalle femministe   di   maltrattamenti   verso   le   donne   di   teatro.   Lui   dal   canto   suo,   fornendo   l'esempio dell'Otello,   senza   scomporsi   minimamente   rispondeva   che   quello:   "era   il   suo   più   grande   omaggio fatto   alla   donna,   in   quanto   "assente".   Comunque   a   smentire   questa   sua   asserzione,   si   diceva   che il suo letto fosse sempre pieno di donne e forse, erano le stesse donne che lo contestavano. I   brani   musicali   originali   che   accompagnano   magistralmente   le   scene   dell'Otello,   sono   stati composti   e   diretti   da   un   grande   Maestro:   Luigi   Zito,   scomparso   di   recente,   molto   conosciuto nell'ambito   musicale   ma   sconosciuto   dal   grande   pubblico,   le   quali,   creando   quel   certo   pathos, coinvolgono          lo     spettatore     nelle     particolari     atmosfere     che     fanno     parte     del     dramma shakeaspeariano.   Il   M°   Zito,   ha   curato   musicalmente,   buona   parte   dei   lavori   teatrali   e   televisivi   di Carmelo   Bene   come   "Romeo   e   Giulietta"   del   1976,   "Riccardo   III   -   secondo   Carmelo   Bene"   del 1981, ecc.
Edizioni Musicali